Vacanze in Sardegna: dal 1995 case in affitto e in vendita in Sardegna.


Sei in: Home Page / I dialetti del sardo

I dialetti del sardo


Anche per i dialetti è ormai sopravvenuta la modernizzazione attraverso i termini importati dall'italiano. I dialetti sono parlati in determinate zone, che secondo gli influssi subiti sono rimasti più o meno originali. I linguisti sogliono dividere i dialetti sardi in tre grandi gruppi: quello centrale o logudorese, quello settentrionale o gallurese e quello meridionale o campidanese.

Le varietà del Sardo secondo criteri fonetici e fonologici:

Provincia di Nuoro:
Nuoro città e paesi limitrofi: Nuorese
Barbagia : Barbaricino
Ogliastra (costiera): simile al campidanese
Ogliastra (parte superiore): simile al barbaricino

Provincia di Cagliari:
Tutta la provincia
Sant'Antioco e Carloforte

Provincia di Sassari:
Sassari e dintorni
Alghero
Logudoro/Goceano
Gallura/Anglona

Provincia di Oristano:
Oristano e dintorni
Parte Nord della provincia
 Dialetto

Campidanese
Simile al ligure di Pegli

Sassarese
Catalano
Logudorese
Gallurese

Campidanese
Simile al logudorese

 Con la legge regionale n. 9 del 12 luglio 2001 sono state istituite le nuove province di: Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Ogliastra, Olbia-Tempio. Le nuove province sono divenute operative con le elezioni provinciali dell'8-9 maggio 2005. Inoltre alcuni comuni sono stati spartiti tra le province già esistenti.

In questo modo è diventata ancora più marcata la distinzione linguistica che già si aveva a livello locale. Con i nuovi Referendum del 2013, si è scelto di abrogare le province come enti, così il governo nel 2014 riorganizzerà la situazione politica. Ma le differenze dialettali rimarranno per zone ben contraddistinte.
 

Marchi e logo depositati. Testi di proprietà Costa Orientale. Foto coperte da diritto d'autore. Agenzia Immobiliare iscritta CCIAA di Nuoro. Associato FIAIP