Vacanze in Sardegna: dal 1995 case in affitto e in vendita in Sardegna.


Sei in: Home Page / Le montagne

Le montagne


I singoli massicci montuosi hanno per lo più l'aspetto di larghe groppe senza cime e non raggiungono in nessun luogo i 2000 metri; infatti, la vetta più elevata è Punta La Marmora (1834 mt), nel Gennargentu seguita dalla Monti Sardegna OgliastraPunta Balestrieri (1259 mt) nel Monte Limbara in Gallura e via di seguito. Le forme predominanti del rilievo sardo sono gli altopiani: per la sua lunghezza primeggia l'altopiano che attraversa obliquamente l'isola dal Monte Ferru (OR) ai monti d'Alà, Buddusò e Bitti, mentre per l'altezza primeggia l'altopiano di Fonni.
Gli agenti atmosferici hanno reso e rendono irregolari i rilievi granitici scolpendovi per la lenta decomposizione capillare risaliente, nicchie d'ogni grandezza come i tafoni. Talvolta vi aprono delle cavità tanto grandi da potere essere usate per ricovero di uomini e di bestiame.
Altre formazioni particolari derivanti dall'azione degli agenti atmosferici sono gli inselberg ossia montagne isolate prive di vegetazione. Esempi tipici di inselberg si possono trovare nella piana costiera di Lotzorai. Altopiani minori sono quelli basaltici, come le giare di Gesturi, di Serri, di Siddi e di Tecu (Barisardo): costituiti da una copertura di roccia basaltica che deriva da un antico espandimento lavico su terreni sedimentari miocenici.
Sardegna montagne OgliastraUna posizione particolare hanno le formazioni calcare e dolomitiche del mesozoico attorno al Golfo di Orosei, che formano i monti di Oliena e il Monte Albo. Imponenti per altezza e dimensioni sono i tonneri di Tonara e i tacchi dell'Ogliastra. Tali possenti masse sono smembrate in grandi frammenti o pittoreschi torrioni( il più noto dei quali è Perda Liana 1293 m) da numerose faglie dislocate verticalmente; quindi si levano con pareti vertiginose, spoglie, biancastre e delimitano i canyons (valli). I più belli dell'isola si trovano in Ogliastra precisamente a Baunei (Codula di Luna e Codula di Sisine) e Urzulei (Gorropu).
Nelle formazioni calcaree dell'isola troviamo importanti fenomeni carsici. La morfologia carsica interna (ipogea) prevale su quella esterna (epigea); infatti si formano raramente doline ossia cavità superficiali maggiori ma piuttosto grotte, caverne e voragine percorse da corsi d'acqua sotterranei.
Nei tacchi dell'Ogliastra hanno prevalente sviluppo orizzontale per il modesto spessore che qui hanno in genere formazioni calcaree.
Tacchi Ulassai SardegnaLe grotte fra le più belle della Sardegna, attraversano in profondità il Supramonte di Baunei: Su Palu, Il Miracolo, del Fico, di Istirzili, di Mangalistru, con grandiosi ambienti sotterranei ricchi di laghetti, stalattiti e stalagmiti. Sempre in Ogliastra nel territorio di Ulassai si trova la nota grotta di Su Marmuri (cioè del marmo per le bianche stalattiti), sviluppandosi per quasi un km con ampie sale fino ad 80 mt con un laghetto interno. Altre grotta di notevole splendore è la grotta del Bue Marino (Dorgali) dove trovavano rifugio gli ultimi esemplari di foca monaca. Si pensa che sia di origine carsica la voragine verticale di su Sterru la più profonda d'Europa (330 mt), presente nella valle di Golgo.

Marchi e logo depositati. Testi di proprietà Costa Orientale. Foto coperte da diritto d'autore. Agenzia Immobiliare iscritta CCIAA di Nuoro. Associato FIAIP